Albo degli Scrutatori di Seggio Elettorale

Per scrutatore di seggio si intende lo Scrutatore dell'Ufficio Elettorale di Sezione, che si insedia in occasione di ogni tornata elettorale o referendaria.

L'iscrizione avviene presso l' Ufficio Elettorale del Comune di residenza, aperta a tutti i cittadini che hanno più di 18 anni e dunque godono dell'elettorato attivo e passivo. L'iscrizione dura a vita, e va ripetuta nel caso di cambio del Comune di residenza.

La nomina degli Scrutatori effettuata dalla commissione elettorale comunale, che si riunisce in pubblica adunanza nella sede del Comune e assegna gli incarichi per tutte le sezioni elettorali presenti nel territorio del Comune. La  comunicazione della riunione affissa due giorni prima nell'albo pretorio dell'edificio comunale.

In passato la nomina avveniva tramite sorteggio, mentre attualmente la chiamata diretta e nominativa (ovvero non casuale).

In caso di votazioni la Commissione deve votare all'unanimità il numero di persone occorrenti fra gli iscritti all'albo. Qualora dopo le prime due votazioni non si raggiunga l'unanimità, ogni membro della commissione può proporre 2 nomi e si vota a maggioranza. In caso di parità dei voti, è proclamato eletto il più anziano di età.

Lo Scrutatore incaricato riceve copia della nomina a firma del Sindaco attraverso un messo notificatore del Comune, al quale restituisce una copia firmata per presa visione. La comunicazione avviene una ventina di giorni prima delle elezioni.. Lo scrutatore designato può rinunciare per gravi e giustificati motivi all'incarico, comunicandolo entro 48 ore dalla notifica all'anagrafe (in forma scritta).

La legge prevede che le imprese debbano concedere l'esercizio di compiti di pubblica utilità e connessi all'attività politica, per garantire il diritto costituzionale dei cittadini all'elettorato attivo. Il lavoratore ha diritto ad assentarsi per tutta la durata dell'incarico elettorale. Tali giornate sono retribuite dallo Stato e non vanno a ridurre il monte ore di ferie e permessi. Il Presidente di Seggio rilascia una ricevuta che attesta lo svolgimento dell'attività di scrutatore, da presentare al datore di lavoro. La nomina del Comune viene invece allegata ai verbali dello scrutinio.

Lo Scrutatore di seggio è considerato, per ogni effetto di legge, pubblico ufficiale durante l'esercizio delle sue funzioni.

Come gli altri membri del seggio, e delle forze di polizia coinvolte, lo scrutatore ha facoltà di votare presso il seggio in cui svolge l'ufficio elettorale, anche se diverso da quello in cui è iscritto nelle liste.

Modalità di iscrizione all'Albo

Gli elettori che desiderano iscriversi nell'Albo unico degli Scrutatori di seggio elettorale devono presentare domanda al proprio Sindaco entro il mese di novembre, presentandosi all'ufficio elettorale del Comune di residenza.

Per la cancellazione dall'albo occorre invece presentare domanda entro il 31 dicembre dell'anno precendente.

Requisiti

Per poter essere iscritti all'Albo, gli elettori devono:

  • essere cittadini italiani
  • essere iscritti nelle liste elettorali del Comune
  • avere assolto agli obblighi scolastici

Sono, in ogni caso, esclusi dalle funzioni di Scrutatore di seggio elettorale:

  • i dipendenti dei Ministeri dell'Interno, delle Poste e Telecomunicazioni e dei Trasporti;
  • gli appartenenti a Forze Armate in servizio;
  • i medici provinciali, gli ufficiali sanitari e i medici condotti;
  • i segretari comunali ed i dipendenti dei Comuni addetti o comandati a prestare servizio presso gli uffici elettorali comunali;
  • i candidati alle elezioni per le quali si svolge la votazione;
  • i rappresentanti di lista, che sono scelti dai candidati alle elezioni per controllare irregolarità nei loro confronti durante lo spoglio elettorale.

 

Normativa di riferimento:

Legge 8 Marzo 1989, n. 95 "Norme per l'istituzione dell'Albo e per il sorteggio delle persone idonee all'Ufficio di Scrutatore e di segretario di seggio elettorale e modifica dell'articolo 53 del Testo Unico delle Leggi per la composizione e la elezione degli organi delle Amministrazioni Comunali, approvato con dPR 16 Maggio 1960, n. 570"

Legge 21 Marzo 1990, n. 53 "Misure urgenti atte a garantire maggiore efficienza al procedimento elettorale"

Legge 30 Aprile 1999, n. 120 "Disposizioni in materia di elezione degli organi degli enti locali, nonch disposizioni sugli adempimenti in materia elettorale"