Villa Ida in località Pieveottoville

Bernardo Bertolucci la volle inizialmente come location di Novecento
Villa Ida in una cartolina d'epoca

 

In località Pieveottoville sorge VILLA IDA. Di origini settecentesche, questa magione ha subito la sua ultima trasformazione nel 1937 ed è opera dell'architetto Baciocchi che l'ha realizzata in bello stile Liberty. Lunga 80 metri, possiede una caratteristica ed elegante torretta le conferisce slancio e verticalità.

Con una felice scelta architettonica gli spazi interni comunicano con quelli esterni attraverso ampie vetrate che si aprono sul giardino ricco di alberi secolari. L'interno della villa è arricchito da affreschi di Giuseppe Moroni che ha realizzato anche la grande vetrata policroma che da sa sfondo allo scalone principale.

La facciata prospetta su Viale Gaspare Bolla, un tempo Viale delle Rimembranze, sul quale si apre l'elegante ingresso principale. Nel retro un altro giardino più privato e più vissuto si articola in specidici spazi destinati alla vita quotidiana.

La villa è di proprietà privata. Fu inizialmente valutata da Bernardo Bertolucci, durante lo scounting per le location del film, come casa padronale della famiglia Berlinghieri per il film Novecento.